Targa in memoria di Lino Apicella, parla la moglie (FOTO)
Cronaca

Targa in memoria di Lino Apicella, parla la moglie (FOTO)

“In ricordo di Pasquale Apicella, Lino, assistente della Polizia di Stato caduto nell’adempimento del dovere. La Città di Napoli, la Polizia di Stato, la moglie e i figli posero a perenne memoria del suo sacrificio”

Queste le parole sulla targa che questa mattina è stata posta in via Tommaso Cornelio, ad angolo con Calata Capodichino in memoria del poliziotto Pasquale Apicella, ucciso durante un inseguimento notturno il 27 aprile 2020.

A presiedere la cerimonia il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris, l’assessore Alessandra Clemente, il Prefetto Marco Valentini, il Questore Alessandro Giuliano, il Vice Questore Raffaele Esposito e, ovviamente, la moglie Giuliana Ghidotti e i colleghi della Polizia e del corpo dei Vigili del Fuoco. Molto sentito il momento in cui è stata scoperta la targa dalla moglie, a cui sono seguiti applausi, lacrime di commozione ed è stato suonato il Silenzio dal corpo della Polizia.

Sono state poste, sotto la targa, due corone d’alloro; una da parte del Sindaco e l’altra dalla Polizia. Filo conduttore degli interventi del Sindaco, del Prefetto e del Questore sono stati il sacrificio e l’importanza della memoria; questa targa dovrà servire da monito per evitare le stesse tragedie in futuro, per evitare che la morte di Pasquale Apicella sia stata vana. Oltre la famiglia erano presenti tante persone del quartiere, a testimonianza che il ricordo di Apicella dopo 9 mesi non è svanito. In questo momento storico, molto importante è stata la presenza anche del Vice Questore Raffaele Esposito, che a comando del commissariato a cui era assegnato Apicella, proprio in queste ultime settimane ha guidato le operazioni per tanti importanti arresti nella zona. Tante anche le ipotesi e i progetti messi in cantiere tra la moglie di Apicella e l’assessore Clemente per portare avanti il ricordo di Lino e per coinvolgere soprattutto i più giovani.

Abbiamo avuto la possibilità di poter parlare con Giuliana Ghidotti, la moglie di Apicella. L’emozione, la gentilezza e la compostezza sono state le qualità che sono risaltate ai nostri occhi subito. Siamo state felici di aver avuto l’opportunità di condividere con lei non solo una parte del suo dolore, ma anche un piccolo spazio di tempo che ci ha dedicato in cui ci ha ricordato il marito e ci ha parlato dei suoi progetti.

Cosa significa questa targa per te e per la tua famiglia?

Per me questa targa ha diversi significati. Sicuramente è per la memoria di mio marito perché in questi 9 mesi ho sempre lavorato affinché non venisse dimenticato. Questa targa significa anche esempio in una realtà difficile. 

Come stanno i tuoi figli?

Male. Thiago sta male perché si è ritrovato in una realtà che non era la sua. Si è ritrovato da un momento all’altro senza il padre, proprio loro che erano più due amici che padre e figlio. 

Quali sono i tuoi progetti futuri?

La serenità dei miei figli e portare avanti il suo esempio. Sto finendo il corso di formazione alla scuola di Polizia per poter indossare la sua stessa divisa, per lui! Non lascio questo quartiere, resto qui. 

Giuliana è testimonianza, è esempio vivo di legalità in questo quartiere, e non solo. Il sacrificio di Lino non deve essere dimenticato, e noi del Casale News, non smetteremo mai di portare avanti il suo messaggio, di lottare e continuare a ricordarlo e ricordare una donna che nonostante la sua tragedia continua a metterci la faccia, per i figli, per il marito, per i cittadini onesti, per la legge. 

ARTICOLO DI NUNZIA ACANFORA E SARA FINAMORE

- 23 Gennaio 2021